Befana: perché si festeggia

Pubblicata in: News 02/01/2020

Cosa vuol dire Epifania?

Il termine Epifanianella lingua italiana, significa apparizione, manifestazione. Ma l'Epifania è anche una festa cristiana che si celebra il 6 gennaio, dodici giorni dopo il Natalee si scrive con la lettera maiuscola.

La parola deriva dal greco e significa appunto rendersi manifesto, apparire. In questo caso, si riferisce a Dio che si rende manifesto sulla Terra attraverso il suo figliolo.

Per il mondo religioso è una festa di precetto (d'obbligo), che presuppone cioè la partecipazione alla messa e l’astensione da quei lavori e da quegli affari che impediscono di rendere culto a Dio e turbano la letizia propria del giorno del Signore o il dovuto riposo della mente e del corpo”.

Per chi non è religioso, l’Epifania è semplicemente il Giorno della Befana, figura folcloristica tipicamente italiana che, volando su una scopa e vestita di stracci, riempie di dolci le calze dei bambini buoni, riservando carbone a quelli cattivi.

Perché si festeggia la Befana?

La leggenda racconta che nella notte tra i 5 e il 6 gennaio, i Re Magi, in cammino verso la capanna di Gesù, bussarono alla porta di una vecchietta e le chiesero indicazioni. Anzi, la invitarono proprio a unirsi a loro per andare a  rendere omaggio al nuovo nato.

La vecchietta si rifiutò, perché di uscire di casa non ne aveva nessuna voglia. Peccato che, non appena i tre se ne furono andati, si pentì subito del suo gesto e decise di rimediare: riempì un cesto di dolci da portare in dono al Bambin Gesù e uscì di corsa per raggiungerli.

Purtroppo non li trovò e ritornandosene verso casa pensò di fare cosa buona fermandosi di casa in casa a regalare ai bambini buoni quei dolci che aveva preparato per il nuovo nato.

La Befana esiste?

La Befana esiste, ma solo per i bambini italiani. Nel resto del mondo, la vecchina con le scarpe tutte rotte non la conosce nessuno, mentre si festeggiano i Re Magi che, in alcuni paesi, non portano solo oro, incenso e mirra al Bambin Gesù, ma portano anche piccoli regali ai più piccoli.

La galette des rois

In Francia, nel giorno dell’Epifania, l’Épiphanie, è sempre viva la tradizione di preparare un dolce per celebrare i Re Magi. Si chiama la Galette des rois, la torta dei re.

La ricetta del dolce può avere diverse varianti, a seconda della regione in cui ci si trova, ma la caratteristica fondamentale rimane sempre la stessa: al suo interno viene nascosto un piccolo oggetto (un tempo era una fève, una fava), e chi lo ritrova nella propria fetta, diventa roi (re)reine (regina) per quel giorno. 

Insieme al dolce viene solitamente venduta anche una couronne (corona) di carta che viene indossata dal vincitore.

Il roscon de reyes  

Una tradizione del tutto simile alla galette des rois, si ritrova anche in Argentina, Messico, Spagna e Portogallo con il Roscón de Reyes. Il dolce, anche in questi paesi, un tempo conteneva una fava che rendeva re o regine per una notte. 

Nei paesi anglosassoni l'Epifania non è un giorno festivo, la befana non esite, si lavora regolarmente e i negozi sono aperti. In compenso, potrete sentir parlare di Epiphany spesso e volentieri durante tutto l'anno. In inglese, il termine significa improvvisa intuizione, pensiero illuminante. 

Condividi su

Trova il nome difficile da pronunciare

Iscriviti alla newsletter

Seguici su

Questo sito si avvale dell'utilizzo di cookie. Se procedi con la navigazione e ascolti le pronunce, acconsenti all’utilizzazione. Accetto Ulteriori Informazioni