Food: keep the conversation moving!

"I was in Rome recently at some cool bar with funky young people, and the conversation for a large part of the evening centred on a particular kind of Roman chicory, the flavour of it, when it was best to eat. 
When I’m sitting in a bar with a group of young English people and talking about the particular
virtues of London’s cabbage, then I’ll know the revolution has occurred."
(Da Friendly English, page 43)

Let's talk about food then, perché sappiamo bene quanto agli italiani piaccia conversare sui propri gusti a tavola, sui vini, sui tipi di pasta addirittura: “Come acchiappa il sugo il fusillo…” 
Parliamone allora di cibo, ma in inglese e con gli inglesi!
La domanda di rigore quando vi trovate faccia a faccia con un British è: “Do you like Italian food?”
Ecco che cosa vi può rispondere:

Yes, of course, it’s fantastic.Sì, certo, è fantastico.
What can I say? SuperlativeCosa posso dire? Superlativo! 
Undoubtedly the best food in the world.Senza dubbio il miglior cibo del mondo. 
I knew nothing about food before coming to Italy.Non sapevo nulla di cibo prima di venire in Italia. 

 

Ed ecco il pensiero immediato di qualunque italiano:

Of course he likes it!Certo che gli piace! 
What else could he have said?Che altro avrebbe potuto dire? 
There’s no way he could have said no! In nessun modo avrebbe potuto dire di no!

 

Attenzione, può capitare anche che alla domanda “Do you like Italian food?”, il British risponda così:

No, not very much. I mean, it’s OK, but I prefer English food.No, non molto. Volevo dire, può andare, ma io preferisco il cibo inglese. 

 

E la reazione sul versante italiano non può essere che questa:

I don’t believe it! Non ci credo! 
He’s kidding!Mi sta prendendo in giro!
He’s out of it!È fuori di testa! 
He must be joking!Sta scherzando! 

 

Mai come in questa lezione, vi occorrerà il libro Friendly English
E non dimentichiamoci la Friendly English Facebook page
Go back to the index

Condividi su

Trova il nome difficile da pronunciare

Iscriviti alla newsletter

Seguici su